Categorie

RICAMBI AUTO ONLINE - FILTRI

 

IL FILTRO OLIO

Per mantenere sempre efficiente il motore della vettura è importante il cambio costante del filtro dell’olio.

Se l’auto è ancora in garanzia, il cambio viene effettuato da un meccanico autorizzato. Se invece la vettura ha già qualche anno e si possiede la giusta attrezzatura, il cambio può essere effettuato in modo autonomo.

L’olio ha il compito di lubrificare e raffreddare il motore.

Durante la sua attività il motore, infatti, a causa della normale usura e dello sfregamento delle parti meccaniche, tende a produrre piccole particelle metalliche (alcune particelle possono provenire anche dalla combustione e  dalla fabbricazione del motore stesso). Questo materiale,  con il passare del tempo, possono compromettere il funzionamento e la durata del motore.

 L’olio ha quindi l’importantissimo ruolo di, durante la lubrificazione, raccogliere questo materiale e depositarlo nella coppa.

I filtri olio più utilizzati

Il filtro olio più utilizzato è quello meccanico, mentre poco usati sono il filtro magnetico, a sedimentazione e a centrifuga.

Il filtro meccanico, presente in quasi tutte le vetture, pulisce l’olio grazie ad una particolare carta che ne trattiene le impurità. Sul mercato troviamo due tipologie di filtri meccanici: il primo è composto da una semplice cartuccia di carta mentre il secondo è composto da una serie di parti inserite in un involucro di metallo.

Filtro olio a immersione  e Filtro olio metallico

Ilfiltro a “immersione” è composto solamente dalla parte filtrante sorretta da una struttura apposita e viene inserito in un alloggio a forma di bicchiere, fissato sul blocco motore. Questo filtro solitamente è venduto con una guarnizione ad anello da sostituire a quella vecchia.

Il filtro metallico invece è composto da una serie di parti racchiuse dentro un contenitore di acciaio avvitato direttamente sul blocco motore.

Effettuare  il cambio filtro e olio all’auto

Innanzitutto  l’operazione di cambio filtro e olio va effettuata con il motore freddo: l’auto dev’essere spenta da almeno mezz’ora. Quando si è sicuri che il motore è freddo si può aprire il cofano e togliere l’asticella livello olio e tappo di carico olio.

 

IL FILTRO ARIA

Il filtro dell’aria, componente dell’impianto di alimentazione della vettura, serve a filtrare e a pulire l’aria che dall’esterno viene incanalata e portata fino alla camera di combustione.

Funzionamento del filtro aria

L’aria incanalata ricca  di parti estranee  (fogliame, polveri, detriti vari, ecc), se non filtrata arriverebbe sporca direttamente nel motore.

Questo provoca:

·         Nelle migliori delle ipotesi a un consumo precoce e innaturale del motore perché i copri estranei andrebbero a consumare parti in questione (pistoni, fasce, candele ecc...)

·         Un deterioramento della valvola a farfalla e/o del debimetro con relative problematiche di stabilità dei giri, vuoti, perdita di potenza ecc..

·         Probabili intasamenti di valvole, iniettori ecc...

·         Nell’ipotesi rara a un possibile grippaggio del motore dovuto, ad esempio, a detriti piuttosto grossi o all’accumulo di detriti nella camera di combustione.

È importante considerare non solo la qualità dell’aria ma anche la sua quantità.

Senza un filtro infatti ci sarebbe un flusso d’aria maggiore diretto al nostro motore con conseguente smagrimento della combustione, ovvero troppa aria rispetto al carburante ( vedi scheda stechiometrico).

Questo imporrebbe alla centralina, appositamente tarata, di richiedere più carburante per compensazione, e quindi un consumo maggiore.

Queste problematiche si presentano quando il filtro aria è troppo vecchio e/o consumato oppure quando si montano filtri sportivi senza le adeguate precauzioni/manutenzioni.

Composizione filtro aria

La composizione del filtro varia in base al tipo di filtro ma in linea di massima è costituito da 2 parti:

·         Una parte solida, solitamente una guaina o una struttura che sorregge la parte filtrante

·         Una parte filtrante, costituita da materiale filtrante come spugne, teli, stoffe

Come si presenta il filtro aria

Esistono in commercio diversi modelli: tondi, a cerchio, a pannello, a cono, a cilindro ecc.

Naturalmente prima di acquistare il filtro dell’aria è necessario assicurarsi che sia conforme non solo alla marca e modello della vettura ma anche la versione.

Tipologie di filtro aria

Esistono due tipologie di filtro aria:

1.       Filtro in carta (comunissimo filtro montato dalla casa costruttrice).

2.       Filtro in cotone o stoffe simili (solitamente sportivo).

Quando cambiare il filtro aria

Il consumo e la capacità filtrante variano in base a diversi fattori come:

·         La tipologia di filtro montato

·         La tipologia e qualità di strada percorsa

·         La zona in cui si lascia l’auto in sosta (cantieri, sterrato...)

·         La manutenzione/pulizia che si effettua sul filtro (in caso di filtro sportivo)

Detto questo è possibile dare dei termini minimi e massimi. In linea generale il cambio del filtro dell’aria si effettua intorno ai 20.000/30.000 km.

Controllare sempre il libretto d’uso dove sono riportati i km precisi per la sostituzione del filtro. Fare comunque un check ogni 5.000 km.

Il filtro dell’aria si può pulire?

La risposta è duplice:

NO. Il classico filtro (di carta) non è ideato per essere pulito ma per essere sostituito, quindi evitare di lavarlo o di pulirlo con aria compressa perché non porterebbe a nessun risultato.  

SI. Cosa diversa è invece un filtro di cotone (filtro sportivo). In questo caso il filtro è ideato per essere pulito, la sua durata infatti è molto più lunga rispetto a un comune filtro di carta (parliamo tranquillamente di 80.000 km e anche più).

Esistono in commercio, infatti, dei kit per lavare e oleare il filtro. E’ invece sconsigliato l’uso di aria compressa, in quanto, soprattutto se usata da vicino, può allargare e quindi modificare la struttura del telo con conseguente perdita della capacità filtrante.

Dove è posizionato il filtro d’aria

Il contenitore dove il filtro è inserito si chiama air-box (scatola d’aria) ed è solitamente una scatola di forma e grandezza variabile posizionato nei pressi del motore.

Costo filtro aria

Il costo varia a seconda della marca, modello, ecc… In linea generale il costo è relativamente basso e  si aggira intorno ai 10 e 20 euro.

 

Un filtro sportivo ha un costo più alto ma la sua durata è notevolmente più lunga.